“Noi del Popolo della Famiglia abbiamo subito a Novara l’ennesima aggressione, questa volta più fastidiosa del solito”. Inizia così, ai microfoni di Ecg Regione (Radio Cusano Campus), il racconto che Mario Adinolfi, leader del Popolo della Famiglia, fa di quanto accaduto lo scorso 28 ottobre a Novara, in occasione della presentazione del suo libro “O capiamo o moriamo”. “E’ salito sul palco un ragazzo nudo” – continua – “mi ha palpeggiato per molti minuti. Se fosse accaduto a chiunque altro, si sarebbe avuta una diversa attenzione e si sarebbe parlato di molestia sessuale. Va bene così, a noi del Popolo della Famiglia tocca sopportare. E io credo di aver sopportato tutto con olimpica calma. Guardatevi il video e ditemi se secondo voi è un gioco. Se ci fosse stata una donna al posto mio, quel comportamento non sarebbe stato neanche immaginabile. Con noi ormai è immaginabile tutto, siamo al surreale. Pensate ai bambini e agli adolescenti che erano venuti lì con le famiglie e sono stati costretti a guardare quello spettacolo di sette minuti”. E aggiunge: “La mancanza di rispetto nei miei confronti ormai la metto in conto, un bambino di 10 anni che stava lì con la mamma meritava più considerazione. Quel personaggio (Francesco Nozzolino, ndr) gira di sicuro negli ambienti Mediaset e infatti è venuto con la telecamera. Quelli della Digos hanno addirittura detto che dietro ci sono le Iene. Credo che le Iene non si abbassino a fare performance del genere. Se sono stati loro, si vergognino

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Droga, così il pusher spacciava davanti alla scuola di Ragusa: arrestato dopo la segnalazione della preside

prev
Articolo Successivo

Varese, da cinque giorni brucia il parco regionale del Campo dei Fiori. Sindaco: “Chi ha visto denunci”

next