“Non è una priorità, il vero problema è la mancanza di lavoro per noi italiani”. “Dev’essere approvata perché garantisce un diritto e favorisce l’integrazione”. “Bastano le norme già esistenti”. La legge sullo Ius soli temperato – che un movimento di opinione trasversale non dispera di veder approvata in questo finale di legislatura – suscita opinioni contrastanti. Ricorre tuttavia la confusione fra il tema della legge e la questione degli sbarchi, fra cittadinanza agevolata e accoglienza indiscriminata. Dopo aver messo a fuoco la differenza, alcuni si convincono. Semplificare la concessione della cittadinanza, dopo un ciclo di studi, per i figli di immigrati stabilmente residenti in Italia da almeno cinque anni? “Sì, su questo sono d’accordo”. Ma altri insistono: “Non è opportuno, prima va affrontata l’emergenza dell’immigrazione irregolare di massa”. E voi come la pensate?  di Piero Ricca, riprese e montaggio Alessandro Sarcinelli

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ius soli, bugie e verità sulla legge della discordia. Ecco cosa succederebbe se venisse approvata

prev
Articolo Successivo

Migranti, a Ventimiglia i primi effetti della “strategia Minniti”: “Sono cambiate le rotte. In aumento arrivi dal Maghreb”

next