“Non è una priorità, il vero problema è la mancanza di lavoro per noi italiani”. “Dev’essere approvata perché garantisce un diritto e favorisce l’integrazione”. “Bastano le norme già esistenti”. La legge sullo Ius soli temperato – che un movimento di opinione trasversale non dispera di veder approvata in questo finale di legislatura – suscita opinioni contrastanti. Ricorre tuttavia la confusione fra il tema della legge e la questione degli sbarchi, fra cittadinanza agevolata e accoglienza indiscriminata. Dopo aver messo a fuoco la differenza, alcuni si convincono. Semplificare la concessione della cittadinanza, dopo un ciclo di studi, per i figli di immigrati stabilmente residenti in Italia da almeno cinque anni? “Sì, su questo sono d’accordo”. Ma altri insistono: “Non è opportuno, prima va affrontata l’emergenza dell’immigrazione irregolare di massa”. E voi come la pensate?  di Piero Ricca, riprese e montaggio Alessandro Sarcinelli

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ius soli, bugie e verità sulla legge della discordia. Ecco cosa succederebbe se venisse approvata

next
Articolo Successivo

Migranti, a Ventimiglia i primi effetti della “strategia Minniti”: “Sono cambiate le rotte. In aumento arrivi dal Maghreb”

next