Ho partecipato al ’68 ma fino a un certo punto. La maggior parte dei ragazzi che vi prese parte aveva diciotto, diciannove, venti anni, mentre io ne avevo già ventotto e quindi vivevo una dimensione diversa. Ho vissuto anche io quegli anni, ho sentito anch’io quelle atmosfere di cambiamento, di ribellione. La Locomotiva, per esempio, nasce da quel tipo di fermento culturale. Anche se ricordo bene che almeno per me la formazione per così dire “politica” di protesta avvenne prima del 1968. In molti mi hanno chiesto perché Folk Beat n.1, il mio primo album che uscì nel marzo del 1967, quello con Auschwitz, Statale 17, Il sociale e l’antisociale, non fosse completamente immerso nella realtà della protesta di quei mesi. Io rispondo sempre che anche se in quell’album la dimensione politica non manca, le canzoni sono un’altra cosa e che per me i testi e la poesia nacquero soprattutto da quello che avevo vissuto in precedenza rispetto al 1967.
(L’articolo completo di Francesco Guccini si trova sul mensile FqMillenniuM attualmente in edicola, dedicato ai 50 anni dal ’68)

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tom Petty morto, addio alla leggenda del rock americano. Aveva appena concluso l’ultimo tour

next
Articolo Successivo

Talk show, lo sfogo di Paragone sui social: “La mia Gabbia chiusa dopo 162 puntate per programmi che fanno meno ascolti”

next