L’Islanda è la nazione più piccola ad aver raggiunto la fase finale della Coppa del Mondo. Il piccolo stato, che giocherà un Mondiale per la prima volta nella sua storia, ha staccato il pass per la manifestazione battendo il Kosovo 2-0 e terminando in vetta al proprio girone. “Stai scherzando! Parteciperemo alla Coppa del Mondo!”, è stata l’esultanza del telecronista al momento del fischio finale. La pioggia non ha fermato i festeggiamenti: i giocatori sono stati attesi da migliaia di persone nel centro di Reykjavík. Emmeje Gauti, uno dei rapper più famosi di Islanda, si è unito ai festeggiamenti con la squadra, intonando il coro ‘Reykjaváka er okkar’, ‘Reykjavík è il nostro’. Aron Einar Gunnarsson, capitano della Nazionale non ha trattenuto la gioia: “Dopo aver perso contro la Croazia (nei playoff di Coppa del Mondo 2014) eravamo decisi a qualificarci e a mio parere il nostro era un gruppo difficile”. Con lui, il resto dei giocatori si sono uniti alla folla nel canto “Feroalok”, l’inno della squadra, che significa: “Io sono a casa”. All’American Bar, il più grande bar sportivo del centro di Reykjavik, sono esplosi i festeggiamenti al grido di: “Islanda alla Coppa del Mondo”. All’interno, la folla ha indossato il pullover rosso, bianco e blu, i colori nazionali, coinvolgendo i turisti presenti. Le celebrazioni sono continuate fino all’alba.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Egitto, festa grande per la qualificazione ai mondiali: “Siamo tornati dopo quasi trent’anni”

prev
Articolo Successivo

Russia 2018, tripletta da fenomeno per Messi: 3 a 1 all’Ecuador e mondiali in extremis per l’Argentina

next