Il ciclo del cemento aiuta il pil della Campania. Ne è ben cosciente il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca. Allo stop delle ruspe e alla sanatoria delle abitazioni abusive, ma di necessità, si aggiunge la proroga e il rinnovo delle concessioni per le cave. In Campania, un partito si è fatto regione. Qui, il governatore e la sua cantera salernitana raccogliendo macerie politiche ha edificato (con la morale abusiva) mattone dopo mattone una neo formazione trasversale dormiente che, oltre a convergere, sorreggere, sostenere, supportare e puntellare l’azione e i progetti politici di Vincienzo ‘a funtana (nomignolo affibbiato quando era sindaco di Salerno) esercita sui territori una presenza capillare raccogliendo istanze, richieste e tutelando interessi diffusi e particolari.

Una gioiosa macchina da guerra del consenso personale del brand De Luca supplisce al vuoto pneumatico del Pd locale, degli altri partiti e di formazioni di stampo virtuale. La missione è soprattutto quella di prosciugare correnti avverse nello stesso Pd e quindi ridimensionare i “signori dei voti” e i loro capibastone che con voce grossa egemonizzano il consenso e tramano per mettere un punto definitivo alla lunga e contraddittoria carriera politica dell’ex primo cittadino di Salerno. Fase delicatissima. Alle porte ci sono le elezioni nazionali e in filigrana già si gioca la partita campana.

Il pragmatismo mascellare deluchiano, trova ancora una volta in Fulvio Bonavitacola, vicepresidente e assessore regionale all’Ambiente, il suo architetto e notaio. La parola d’ordine è : raschiare il fondo del barile. Restituire dignità politica alla variegata e frastagliata umanità di impresentabili, fantasmi democristiani, trombati, sfigati, orfani, ex dipietristi geneticamente modificati e la vasta e sempre viva corrente cosentiniana e cesariana. Cerchiata in rosso sul calendario del potere del governatore c’era una data, una dead line obbligatoria. Occorreva dare un segnale inequivocabile verso ristretti e importanti ambienti collegati che muovono robusti interessi finanziari e di consenso in Campania.

Non è casuale se il 13 giugno e il 24 luglio il Consiglio regionale ha approvato due leggi che senza ombra di dubbio favoriscono i cementificatori di professione e la potentissima filiera dei costruttori che nei comuni a Nord di Napoli e nel casertano, in particolare, impongono il proprio verbo e costituiscono un sistema monolitico di potere. In un colpo solo sono stati approvati due disegni di legge : “Misure di semplificazione e linee guida di supporto ai Comuni in materia di governo del Territorio” e “Disposizioni sui tempi per gli interventi di riqualificazione ambientale delle cave ricadenti in aree ed in Zone altamente critiche (Zac) e per le cave abbandonate del Piano regionale delle Attività estrattive”.

Sono le pietre miliari che consentiranno a De Luca di allungare il passo e mettere le mani sulla Campania. Dopo la tragedia di Casamicciola, De Luca ha dovuto difendere a denti stretti la legge regionale che nei fatti stabilisce che un abuso edilizio non è un abuso se è di necessità. Addirittura ha fatto la voce grossa con alcuni ministri accusandoli di cialtroneria. Sotto silenzio, invece, nascosta dalla parolina “riqualificazione ambientale” è passata una invasiva norma che mette di buon umore la lobby dei cavaioli. Si tratta della proroga delle estrazioni e persino del rinnovo delle concessioni delle cave. In Campania, insomma, non si chiudono, non si bonificano e non si risanano le cave e i territori.

La Regione pensa al pil pesante e rilancia l’industria del cemento. Basti pensare che solo nel territorio casertano ci sono ben 442 cave, che interessano 75 comuni su 104 e che conferiscono al territorio un aspetto lunare e un primato unico per la Terra di Lavoro delle attività estrattive e della devastazione ambientale. Sembrava una stagione archiviata, così non è. Per anni i cementifici hanno fatto esplodere mine in montagne a ridosso di abitazioni, che si sono deteriorate proprio a causa di quest’attività facendo giungere detriti e inquinamento nell’aria e nel terreno. Metalli pesanti sono andati a corrodere tetti di abitazioni mentre polveri sottili hanno trasformato l’aria in camere a gas con effetti gravissimi sulla salute pubblica. Con buona pace di chi doveva e dovrebbe controllare : l’Arpac.

La lobby dei cementifici conta e non è estranea a determinati ambienti dicevamo: leggi camorra. Non è un caso se molta munnezza è finita tombata nelle cave. La leggina estiva è un capolavoro. E pensare che la Regione Campania doveva dare slancio al vecchio Piano cave con chiusure e recupero: passaggio mai avvenuto. C’è già chi sospetta, per lo più malpensanti e farisei, che qualche cava potrebbe essere utilizzata per dare una mano al piano di smaltimento con la collocazione a dimora dei residui dell’incenerimento delle ecoballe. Appunto malpensanti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ex cartiera Burgo di Mantova, la versione dell’Agenzia di tutela della salute

prev
Articolo Successivo

Solvay, pesci morti lungo le Spiagge Bianche della Toscana: la procura indaga sugli sversamenti di ammoniaca

next