Nel caos, in mezzo agli idranti e alle cariche, una richiedente asilo e un poliziotto se ne vanno mano nella mano. Lei, disperata, piange perché non sa dove dormire dalla prossima notte. Lui, invece, deve effettuare lo sgombero del palazzo in via Curtatone, a Roma. Senza perdere l’umanità.

Attorno piovono sassi e bottiglie, lei piange e allora lui le si avvicina. Prima la accarezza, poi la incoraggia, le prende le mani e infine la accompagna lontano dal caos, stringendola a sé. Ad immortalare la sequenza è stato Angelo Carconi, fotografo dell’Ansa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma rifugiati inseguiti tra taxi e passeggeri della stazione Termini. Polizia nervosa: “Fuori dai coglioni…”

prev
Articolo Successivo

Migranti, balle di fieno e scritta razzista contro l’arrivo di 15 profughi minorenni nel Piacentino: “No ai neri e invasione”

next