Nel caos, in mezzo agli idranti e alle cariche, una richiedente asilo e un poliziotto se ne vanno mano nella mano. Lei, disperata, piange perché non sa dove dormire dalla prossima notte. Lui, invece, deve effettuare lo sgombero del palazzo in via Curtatone, a Roma. Senza perdere l’umanità.

Attorno piovono sassi e bottiglie, lei piange e allora lui le si avvicina. Prima la accarezza, poi la incoraggia, le prende le mani e infine la accompagna lontano dal caos, stringendola a sé. Ad immortalare la sequenza è stato Angelo Carconi, fotografo dell’Ansa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma rifugiati inseguiti tra taxi e passeggeri della stazione Termini. Polizia nervosa: “Fuori dai coglioni…”

next
Articolo Successivo

Migranti, balle di fieno e scritta razzista contro l’arrivo di 15 profughi minorenni nel Piacentino: “No ai neri e invasione”

next