È morta a soli 39 anni, forse per una overdose di farmaci, l’artista Chiara Fumai, uno dei nomi più importanti della nuova scena artistica internazionale. Nata a Roma da padre pugliese, si è laureata al Politecnico di Milano e ha studiato Teoria dell’Arte al Dutch Art Institute di Arnhem (dove è stata anche visiting professor). È stata protagonista di numerose personali al MACRO Testaccio e al MAXXI di Roma e ha partecipato a mostre e performance di livello internazionale come dOOCUMENTA nel 2012, al Jeu de Paume di Parigi e allo Studio Voltaire di Londra.

Il corpo senza vita della Fumai è stato trovato nella galleria Doppelgaenger e, come scrive la critica d’arte Antonella Marino sull’edizione pugliese di Repubblica.it, “da qualche tempo i fantasmi che popolavano le sue potentissime performance, quei personaggi a cui lei dava voce con efficacia sorprendente, sembravano essere affiorati, irrompendo dalla storicità visionaria del mondo da cui li aveva pescati nella realtà vera dei suoi incubi quotidiani”. Sui social network, intanto, amici ed estimatori stanno ricordando la figura di Chiara Fumai con messaggi affettuosi ma anche addolorati per una grave perdita artistica oltre che umana.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Festival International des Arts de la Marionnette, il teatro canadese tra attori e burattini

next
Articolo Successivo

Gli ebook stanno morendo? Niente paura, leggete la classifica di Amazon

next