Gli ebook stanno morendo. È quanto prevedono, magari tra le righe, giornali e blog. Il motivo? Recentemente, negli Stati Uniti e in Gran Bretagna, i libri digitali hanno perso punti, a favore degli audiolibri. Ovviamente, questo è stato sufficiente a decretarne la fine e ad eleggere gli audiolibri come strumenti che li sostituiranno. Vale la pena di ricordare che in Italia gli ebook continuano a crescere, forse perché noi li abbiamo scoperti in ritardo rispetto agli altri Paesi.

La mia professoressa di storia dell’arte diceva sempre: “niente di nuovo sotto il sole”. Infatti, si sta ripetendo quello che è accaduto qualche anno fa, quando i soliti fondamentalisti annunciavano la fine del libro cartaceo per mano di quello digitale. Anche oggi rispondo allo stesso modo: basta allarmismi. Non è una guerra, un libro è un libro indipendentemente dal supporto. Cambiano solo le modalità di realizzazione e di fruizione. Ma l’importante è leggere.

A proposito di lettura, come ogni anno Amazon ha diffuso la classifica delle città, con più di 90mila abitanti, che acquistano più libri. Al primo posto da cinque anni vi è Milano seguita da Trieste e Padova, Roma ha migliorato rispetto al 2016 ed è al sesto posto. Sempre molto in basso il Sud: Napoli, Palermo e Bari le troviamo al di sotto della 30esima posizione. E non va meglio se prendiamo in considerazione il digitale. In questo caso, infatti, la Capitale precipita al 15esimo posto, subito dopo Torino. Sul podio vi sono Milano, Trieste e Trento; in quarta e quinta posizione si classificano Padova e Bolzano seguite da Bologna, Cagliari, Verona, Udine e Bergamo. Per quanto riguarda i generi, Milano è onnivora, mentre Bolzano privilegia il rosa.

Anche Ibs ha stilato la classifica dei libri più venduti dal suo portale durante l’estate. È interessante rilevare che i gusti di chi acquista cartaceo e digitale sono diversi e generano due elenchi completamente differenti. Nel cartaceoal primo posto vi è Le otto montagne di Paolo Cognetti, mentre nel digitale primeggia L’ultimo Faraone di Wilbur Smith. E, per concludere, vi segnalo alcuni siti dove è possibile scaricare in modo legale ebook gratuiti. Il più famoso è sicuramente Progetto Gutenberg. Nato nel 1971 negli Stati Uniti, propone tanti classici e inediti di autori meno noti, oltre 54mila libri digitali prevalentemente in inglese ma ora vi sono versioni anche in altre lingue, tra cui l’italiano. La risposta italiana è il Progetto Manunzio, nato nel 1994 con l’obiettivo di promuovere ogni espressione artistica e intellettuale. Sul sito Liber Liber si possono trovare molti ebook, audiolibri e musica gratuiti.

Vi segnalo anche Ebookgratis e Timereading, nel primo vi sono solo libri digitali gratuiti mentre nel secondo si trova anche una selezione di ebook a prezzi molto scontati. E poi ci sono gli store, quali Amazon, Ibs, Feltrinelli e Mondadori, che propongono gratuitamente classici o testi di autori emergenti. Trovarli è semplice basta fare una piccola ricerca sul portale.

Buona lettura.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Chiara Fumai morta a 39 anni, l’artista ritrovata senza vita in una galleria d’arte

next
Articolo Successivo

Quattordici domande brevi da leggere nel tempo di un caffè: risponde Max Paiella

next