“Se tutti gli agricoltori utilizzassero questo sistema di irrigazione “a goccia”, il problema della siccità sarebbe, almeno per qualche anno, risolto”. Marco Bertotto è il presidente del Consorzio Irriguo Angiono Foglietti che insieme alla Cooperativa Dora Baltea, al Consorzio Ceralicolo Capac e a Confcooperative Fedagri Piemonte, da un paio di anni ha portato in Piemonte il sistema di irrigazione “a goccia” prendendo spunto dalle tecniche utilizzate in Israele. “Il sistema di irrigazione è fermo al 1500 nella nostra regione, pertanto abbiamo sentito la necessità di provare ad innovare per renderlo più sostenibile”. La sperimentazione è partita un paio di anni fa su un campo di 30 ettari della Cooperativa Bora Baltea in Piemonte e ha portato ad un risparmio certificato del 60% dell’acqua e a una gestione più sostenibile dei fertilizzanti: “Grazie a questo sistema utilizziamo la giusta quantità d’acqua e di fertilizzante che serve alla pianta ottenendo un prodotto che è migliore” racconta il presidente della cooperativa Dora baltea Renato Chiadò Puli. La sfida sarà quella di replicare questo modello su una superficie più ampia, 300 ettari.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Clima: siamo in guerra. E la politica non ha nulla da dire (e fare)?

next
Articolo Successivo

Dall’abusivismo di necessità all’abbattimento dell’orsa, un’estate da dimenticare

next