Alessandro Toffi, uno dei titolari della discoteca Praja di Gallipoli, si è autodenunciato alle forze dell’ordine perché i suoi soci non rispetterebbero la capienza del locale. A darne notizia è stata la Gazzetta del Mezzogiorno: “La Praja – afferma Toffi – ha una capienza certificata di 2000 persone. Quindi uscite di sicurezza, sistema antincendio e vie di fuga autorizzati per 2000 persone. Ogni notte i miei soci ne mettono dentro 5.000-6.000. Stessa cosa fa la discoteca Cave. Ho scritto pochi giorni fa una pec a tutte le istituzioni in cui segnalavo i grossi pericoli che ogni notte corriamo nel continuare ad ammassare ragazzi uno sull’altro all’interno delle mura della Praja”. Toffi, che è proprietario del 20% delle quote del locale, afferma di non avere nessun potere decisionale, visto che il 60% è in mano a una società: “In quanto socio di minoranza sono escluso da ogni decisione e non ho alcun potere”.

Il gesto di Toffi sembra mirare a un obiettivo più ampio, che coinvolge tutto il comparto turistico di una delle mete più apprezzate del Salento: “Gallipoli è senza speranza. Sono qui dal 2008 come imprenditore – ha detto alla Gazzetta del Mezzogiorno – e conosco tutto ciò che ruota attorno al business delle discoteche. Il turismo ogni anno scende di qualità e di età, l’illegalità regna sovrana. Quando ci scapperà il morto andremo tutti a casa”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Luca Bizzarri sarà il nuovo presidente di Palazzo Ducale a Genova. L’attore su Facebook: “Mi mangeranno vivo. Ma ho accettato per la mia città”

next
Articolo Successivo

Sinead O’Connor, lo sfogo disperato in un video su Facebook: “Sono sola e tutti mi trattano male. Le malattie mentali sono come la droga”

next