“Non sono venuto in Italia per chiedere l’elemosina o per mettermi in ginocchio, sono venuto per lavorare, essere competitivo e mettermi in gioco”. Ibrahim Thiam è un senegalese di 50 anni, laureato in Fisica e Chimica nel 1993 all’Università Cheikh Anta Diop di Dakar e diplomatosi come “Operatore Legale Specializzato in materia di Protezione Internazionale” con il massimo dei voti tramite il Corso di Alta Formazione organizzato dalla Scuola Superiore di Scienze dell’Amministrazione Pubblica dell’Università della Calabria. Vive da sei anni in Italia, lavora come bracciante agricolo a Rosarno e venditore ambulante e ha due figli. “Può darsi che questa estate ci incontreremo in spiaggia, venderò bonghi e collanine”. La storia di Ibrahim è oggi quella dell’Italia, del Paese che non riesce a integrare nemmeno un laureato che si impegna per ottenere un altro titolo di studio. Al quale non sa offrire che il ricatto dei caporali. “Purtroppo sono costretto a scendere a compromessi con i caporali della Piana di Gioia Tauro, perché lo Stato non ci tutela, perché ho due figli”, spiega prima di accendere il cellulare e mostrare la pagella del figlio: “Visto che voti? Non siamo banditi, ma esseri umani con un cervello che funziona”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Migranti, perché oltre che illegale Generazione identitaria è anche pericolosa

prev
Articolo Successivo

“Gay? Torture? Risponderanno a Dio di tali accuse, non sono persone, sono il diavolo”. Le parole del leader ceceno Kadyrov

next