“Resta una ferita profonda nella carne di questa città. Serve un lavoro costante, silenzioso, per rimarginare e riconnettere tra loro quelle parti della società civile che lottano per la legalità”. Lo ha detto la sindaca di Roma Virginia Raggi, che oggi ha assistito alla lettura della sentenza di Mafia Capitale.  “Io penso – ha detto a margine con i cronisti  – che questo sia un momento importante per la città di Roma e dobbiamo trarne tutti le conseguenze”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mafia Capitale, procuratore Ielo: “Sentenza in parte ci dà torto, ma la rispettiamo. Aspetteremo motivazioni”

prev
Articolo Successivo

Mafia capitale, esultano i legali di Buzzi e Carminati: “A Roma la mafia non esiste”. Saviano: “Anche a Palermo non esisteva”

next