Si è trasformata in una grande, bellissima dichiarazione d’amore per la danza, l’iniziativa lanciata da Roberto Bolle dal palco dell’Arena di Verona, durante il suo Gala “Roberto Bolle and Friends” in cartellone per il 95º Festival lirico. Alla fine del primo tempo, l’Étoile e l’ospite Francesco Pannofino hanno invitato un’Arena pressoché sold out a puntare le luci dei cellulari verso il palco per dar vita ad una ola. Senza esitazione, le oltre 13.000 persone che gremivano il Teatro hanno subito aderito all’appello, regalando all’Artista uno spettacolo unico ed emozionante. “La danza vive un momento di grande difficoltà nel nostro Paese. Quello che volevamo dimostrare con questo piccolo gesto è quale e quanto entusiasmo susciti. Un grido di allarme che si fa dichiarazione di amore. Un’emozione e un calore difficili da ignorare”.

Costellato di sold out a Firenze, alle Terme di Caracalla e a Spoleto, il tour “Roberto Bolle and Friends”, dopo l’Arena di Verona, va a chiudersi con la serata del 21 luglio all’Arena Forte Village di Santa Margherita di Pula in Sardegna.

Ma l’anno di Roberto Bolle è come sempre ricco di molti impegni tra cui tournée in California e in Giappone, gli spettacoli tra la Scala di Milano e l’American Ballet di New York e il ritorno in tv con il secondo grande show a lui dedicato in prima serata su Rai1, la cui messa in onda è prevista per il 2 dicembre 2017.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

U2 a Roma, un tour buono per riesumare un Nokia 3310

prev
Articolo Successivo

Franco Battiato 35 anni dopo la storica tournée, perché è diventato famoso

next