“Il mio post su Facebook non è affatto una gaffe: è chiaro che ora quella che voleva essere solo una battuta viene interpretata in modo sbagliato. Ho detto a Fiano che è una testa di c…. Sono volgare? Mi sta bene, ma quel testo non ha nessun riferimento antisemita. Siete voi che glielo date”.  Così Massimo Corsaro, deputato di Direzione Italia, si difende dopo le polemiche nate dalla frase sulle sopracciglia di Fiano postato su Facebook. “Ho visto che Renzi mi chiede di presentare le dimissioni: allora ho un motivo in più per restare. Io dico solo che il post ieri su Facebook è stato considerato tutto sommato da poche persone. Stamane una collega del Pd lo ha fatto rimbalzare su Twitter e sono partite le speculazioni. Io sono milanese come Fiano, e lui da anni impedisce il ricordo del 17enne Sergio Ramelli che fu massacrato dai movimenti operai. Volevo attaccare lui per questo, al di là del dibattito sull’apologia di fascismo. Se qualcuno si sente offeso da qualcosa posso anche chiedere scusa, ma era una battuta” .

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bari, coinvolto in inchiesta per corruzione si dimette l’assessore Giannini (Pd). Emiliano: “Lo ringrazio per la sensibilità”

prev
Articolo Successivo

Vittorio Feltri: “M5s? Chi li vota ne ha piene le scatole e vi manda a fare in culo. Non mi invitate più, mi sono rotto i coglioni”

next