È iniziata nei giorni scorsi la ristrutturazione del giardino che porta il nome di Lea Garofalo, la testimone di giustizia uccisa dalla ‘ndrangheta a Milano nel 2009. La riqualificazione dell’area in viale Montello dovrebbe concludersi a ottobre e prevede  il rifacimento della recinzione lungo i Bastioni di Porta Volta, l’allestimento di un playground con campetto da basket per i più giovani, nonché opere per la manutenzione del verde e dell’arredo, per una migliore valorizzazione paesaggistica.

Come ricorda una nota, nel 2011 la convenzione tra il Comune e l’associazione Giardini in Transito, ha permesso la rivalutazione del luogo da spazio residuale e degradato a spazio verde pubblico dove “la sperimentazione in termini di condivisone, cultura e coesione sono all’ordine del giorno”.

Tanti gli eventi e le iniziative sociali svolte in questo giardino. Uno spazio che grazie a vari accordi con le associazioni di zona e non, si profila sempre più come luogo di accoglienza per tutti coloro che ne rispettano la vocazione. La collaborazione con l’associazione “Libera: associazioni, nomi e numeri contro le mafie” ha permesso all’area di essere intitolata alla testimone di giustizia e vittima della ‘ndrangheta nel 2009 a Milano.  Lea Garofalo ha abitato nell’edificio di fronte viale Montello 6.

Lea aveva deciso di testimoniare sulla faida tra la sua famiglia e quella del suo ex compagno Carlo Cosco. Così fu sottoposta a un programma di protezione dal 2002. Suo padre era stato ammazzato quando lei aveva nove mesi. Floriano Garofalo – suo fratello, anch’egli ucciso in un agguato – era il boss di Petilla Policastro, e le sue attività mafiose si estendevano anche in Lombardia, fino a Milano.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Mafie globali, in mostra le immagini scioccanti del litorale domitio (gallery). “Crimine sottovalutato fuori dall’Italia”

next
Articolo Successivo

‘Ndrangheta, tra i 300 indagati anche l’assessore regionale Barbalace. “Ha favorito imprenditore su fondi europei”

next