Protesta dei Radicali durante la seduta del Consiglio regionale della Lombardia per chiedere la calendarizzazione delle due proposte di legge di iniziativa popolare sulla cannabis terapeutica e sul testamento biologico. Il tesoriere dell’associazione Luca Coscioni Marco Cappato e Barbara Bonvicini, dell’associazione Enzo Tortora, hanno interrotto i lavori per leggere ad alta voce, dalla tribuna del pubblico, alcuni passaggi della normativa regionale, che prevede che qualora la proposta di legge di iniziativa popolare non venga iscritta nel calendario dei lavori entro tre mesi dal deposito, essa si considera iscritta all’ordine del giorno del Consiglio e viene discussa nella prima seduta, con precedenza su ogni altro argomento. Il presidente del Consiglio regionale Raffaele Cattaneo ha quindi richiamato i due esponenti radicali al rispetto dell’Aula, invitando i commessi ad accompagnarli all’esterno. “I 90 giorni sono scaduti un anno fa” ha commentato Cappato una volta fuori. “Non pretendiamo che il Consiglio regionale sia d’accordo queste proposte di legge, ma pretendiamo che siano discusse come prevede la legge. Evidentemente, non vogliono assumersi la responsabilità di votare contro provvedimenti che sarebbero molto popolari” ha poi sottolineato, sollecitando anche capigruppo, e in particolare quelli di opposizione, a chiedere il rispetto della normativa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Discriminazione, allarme dell’Unar: “Due milioni di contenuti discriminatori postati sul web. Il 69% per motivi etnico-razziali”

next
Articolo Successivo

Charlie Gard, Londra: “Impossibile trasferirlo a Roma”. Parolin: “Massimo impegno del Vaticano”

next