“Un’inchiesta così delicata, che tocca il cuore della politica e delle istituzioni, deve essere lasciata al lavoro autonomo e indipendente della magistratura. Invece si addensano tante ombre al punto da far perdere, quasi smarrito all’orizzonte, il cuore dell’indagine che rischia di non essere più centrale”. A dirlo il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, intervenendo alla presentazione del libro “Di padre in figlio” del giornalista de Il Fatto Quotidiano Marco Lillo. “L’obiettivo è la confusione – dice De Magistris – la gente non deve capire dove sta il bene e dove sta il male. Secondo me da tutto questo marciume sul caso Consip poteva uscire anche di più se non fossero stati avvisati delle cimici. Il tema è questo, per me è la prima fuga di notizie il vero momento in cui l’inchiesta Consip è stata distrutta alla radice”. Durante la presentazione del libro il giornalista Marco Lillo ha evidenziato che l’inchiesta che riguarda la più grande società pubblica per gli appalti è stata scoperta grazie a indagini della Procura di Napoli e non di Roma. “A Roma non si sono accorti di nulla per 20 anni – dice Lillo durante il suo intervento – poi arriva un magistrato da Napoli, che ti fa scoprire gli elementi per arrestare Romeo e per cambiare il corso della più grande gara d’appalto d’Europa e tu che fai lo ringrazi? No – conclude Lillo – lo indaghi per capire se è stato lui a dare notizie al Fatto Quotidiano. Qui c’è un problema di vigilanza democratica. I sistemi democratici funzionano quando tutti e tre i poteri, compresa la magistratura sono vigilati dal quarto potere. Ma quando il quarto potere, come sta accadendo in questi giorni, si accorda con il potere politico e fa finta di non vedere, vuol dire che c’è un grosso problema”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PADRINI FONDATORI

di Marco Lillo e Marco Travaglio 15€ Acquista
Articolo Precedente

Sicilia, arrestati ex sindaco di Niscemi e altre 8 persone: “Voto di scambio politico mafioso”

next
Articolo Successivo

Domenico Diele, le accuse del gip: “Insofferente alle regole. Non trascurabile la sua pericolosità sociale”

next