Dalla “spiaggia di Guardia rovente” d’inizio anni ‘80, alle “canzoni contro la paura da cantare a squarciagola” con il suo pubblico. Dai primi concerti nelle province calabresi ai sold out nei club e nei teatri più famosi d’Italia, come l’Alcatraz di Milano, l’Atlantico di Roma, l’Estragon di Bologna. La verità – per dirla con le sue parole – è che Dario Brunori, cantautore cosentino in arte Brunori Sas, giunto al suo quarto album “A casa tutto bene”, si è imposto di diritto, e con qualità, nel panorama cantautorale italiano, diventando il nuovo fenomeno di punta. E i suoi fan lo seguono ovunque, da sud a nord. Chi va ai concerti con la sua sagoma di cartone, riciclata da qualche manifesto, chi porta con sé i propri figli piccoli e chi da giovanissimo, si fa accompagnare ai suoi live dai genitori. Perché in fondo Dario Brunori canta a tutte le età o, come affermano i suoi fan: “Ci racconta, parla di noi senza conoscerci, il bello è questo”. Noi abbiamo deciso raccontare questo nuovo cantautore confondendoci proprio tra i suoi supporter e seguendo alcune tappe del tour invernale tra Milano, Roma e Cosenza.

E Brunori – che ha iniziato cantando brani più autobiografici o le storie di emigrazione dei “Poveri Cristi” – e che adesso canta pezzi di grande attualità come “L’uomo nero” e “Don Abbondio”, ci ha spiegato: “Io non voglio indicare alla gente la strada col dito, ma utilizzare le mie canzoni per dire a chi mi segue, fermiamoci un attimo e riscopriamo insieme l’umanità che ci circonda. Il fatto di avere ormai un pubblico più ampio mi fa sentire meno solo e mi dà la conferma che ciò che sto facendo ha una coerenza”.

Il tour “A casa tutto bene” ripartirà il 16 giugno da Padova. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Guns N’ Roses, ritorno in Italia dopo 24 anni. Novantamila all’autodromo di Imola per la reunion di Axl e Slash

next
Articolo Successivo

Relaxer degli Alt-J, il primo stop and go di una band già irrinunciabile

next