Ottavi di finale, Sudafrica 2010. C’è Germania-Inghilterra. I tedeschi scappano sul 2-0, Upson accorcia le distanze al 37esimo. Passa appena un altro minuto e Frankie Lampard si inventa un gol da cineteca: tiro dalla grande distanza, la palla tocca la traversa e rimbalza al di là della linea di porta. È gol. Chiaramente gol. Almeno un metro dentro. Ma l’arbitro non se ne accorge e lascia proseguire. Un errore madornale che nega il pareggio immediato e cambia la storia della partita, poi terminata sul 4-1 per una grande Germania. Impossibile non convalidare se ci fosse stato il Var o la gol-line technology. Fu una sorta di nemesi per il gol di Hurst nel 1966. Dal mondiale di giugno 2018 non potrà più accadere.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Luciano Moggi, il ritorno nel mondo del calcio: consulente del Partizani Tirana in Albania

next
Articolo Successivo

Grande Torino, scritte offensive sui muri lungo la strada che porta a Superga

next