Altro quarto di finale di un Mondiale, ma diversi protagonisti. In campo ci sono Italia e Spagna. Gli azzurri sono avanti 2-1 e mancano ormai pochi minuti al triplice fischio finale. Siamo già in pieno recupero. Calcio d’angolo per gli iberici, in area ci sono le solite spinte e trattenute. Mauro Tassotti alza il gomito e colpisce Luis Enrique, rompendogli il naso. Sarebbe rigore, ma l’arbitro non vede il fallo del difensore rossonero e lascia proseguire tra le proteste dell’attuale allenatore del Barcellona. Se ci fosse stato il Var, le Furie Rosse avrebbero avuto l’occasione di pareggiare e giocare i supplementari in superiorità numerica. E chissà, a quel punto, se a Pasadena ci sarebbe arrivata la nazionale di Sacchi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Luciano Moggi, il ritorno nel mondo del calcio: consulente del Partizani Tirana in Albania

next
Articolo Successivo

Grande Torino, scritte offensive sui muri lungo la strada che porta a Superga

next