È il 22 giugno 1986, Stadio Azteca, Città del Messico. L’Argentina è in campo contro l’Inghilterra nei quarti di finale. Come sarebbe andata con il Var è facilmente decifrabile: Maradona avrebbe dovuto sudare di più per portare la sua albiceleste in semifinale contro il Belgio e poi al trionfo mondiale. Perché, anche se cinque minuti dopo realizzò il gol del siglo, quella mano che spinse la palla in porta prima che di Dio era proprio di Maradona. Disse, infatti, di aver toccato il pallone “un poco con la testa e un po’ con la mano di Dio” per superare il portiere Peter Shilton, 185 centimetri. Il gesto sfuggì all’arbitro tunisino Ali Bin Nasser, che convalidò immediatamente. Il Var avrebbe quasi certamente cambiato la decisione del fischietto africano.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Luciano Moggi, il ritorno nel mondo del calcio: consulente del Partizani Tirana in Albania

prev
Articolo Successivo

Luciano Spalletti, cronaca di un fallimento: nella stagione del “vinco o me ne vado” l’unica speranza è il 2° posto

next