Prima ci fu Byron Moreno (e forse non sarebbe bastato il Var perché potesse cambiare idea…) contro l’Italia, poi toccò all’egiziano Gamal Al-Ghandour nei quarti di finale tra la stessa Corea e la Spagna. Furono ben due i gol annullati agli iberici: il primo per un presunto fallo di Ivan Helguera sugli sviluppi di un calcio di punizione, e ancora più clamoroso il secondo. La colpa fu del suo assistente, Michael Ragoonath: invalidò la rete di Fernando Morientes perché, sosteneva, il pallone era uscito sul cross. Le cose non erano andate esattamente così, come dimostravano le immagini televisive. E la Corea vinse poi 5-3 ai rigori.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Luciano Moggi, il ritorno nel mondo del calcio: consulente del Partizani Tirana in Albania

prev
Articolo Successivo

Luciano Spalletti, cronaca di un fallimento: nella stagione del “vinco o me ne vado” l’unica speranza è il 2° posto

next