Gol fantasma, rigori negati, espulsioni dirette mancate o assegnate per errore e scambi di persona, addio. Dal mondiale di Russia 2018, arriva il Var, video assistant referee. Chiamatela moviola in campo o come volete. Fatto sta che la Fifa di Gianni Infantino ha ufficializzato la scelta, che era già nell’aria. I video-arbitri dovranno essere affiatati con i colleghi impegnati in campo, gestendo in tempi rapidi le situazioni più critiche. Potranno contare sugli schermi nei pullman regia, ma comunque tutto affidato all’occhio umano. Ci saranno però finalmente i replay. E la sperimentazione è andata così bene che la Serie A ha anticipato tutto di un anno e ora anche la Fifa ha dato l’ok per il più importante appuntamento per gli appassionati di calcio. Non accadranno più casi come quello in Francia-Irlanda che costò la qualificazione a Giovanni Trapattoni a causa del doppio tocco di mano di Henry o il gol in fuorigioco di Tevez in Argentina-Messico durante gli ultimi mondiali. È stato l’ultimo caso, ma nella storia della Coppa del Mondo se ne ricordano almeno altri 6 clamorosi, tra il 1966 e il 2010, senza contare una direzione di gara come quella di Byron Moreno, che probabilmente non avrebbe cambiato idea neanche davanti a cinque, dieci, venti replay. La mancanza di tecnologia ha fatto vittime eccellenti o ha dato una mano ai grandissimi del calcio. Ecco quali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Luciano Moggi, il ritorno nel mondo del calcio: consulente del Partizani Tirana in Albania

next
Articolo Successivo

Grande Torino, scritte offensive sui muri lungo la strada che porta a Superga

next