Mancano trenta minuti alla fine di Francia-Germania Ovest, semifinale di Spagna ’82. Il match è sull’1-1. Platini lancia Patrick Battiston verso l’area. Il ‘galletto’ aggancia e indirizza la palla verso la porta. Harald Schumacher si fionda verso di lui, lo abbatte dopo che la palla è stata rilasciata. Battiston si rompe due denti, rimedia un problema alla vertebra e finisce in coma per due giorni. L’arbitro olandese Charles Corver giudica l’intervento involontario e non fischia nulla, né punizione né rigore. Se ci fosse stato un assistente video come accadrà in Russia nel 2018 per la prima volta, la decisione sarebbe stata diversa? Con ogni probabilità, sì.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Luciano Moggi, il ritorno nel mondo del calcio: consulente del Partizani Tirana in Albania

next
Articolo Successivo

Grande Torino, scritte offensive sui muri lungo la strada che porta a Superga

next