È il gol fantasma più famoso nella storia dei mondiali. Sessant’anni dopo Sky Sports, proprio grazie alla tecnologia, ha risolto il rebus: il guardialinee azero Tofik Bahramov, arbitro internazionale che quel giorno era in campo come assistente, non sbagliò quando suggerì allo svizzero Dienst che quel pallone aveva superato la linea dopo aver sbattuto contro la traversa. Il gol del 3-2 siglato da Geoffrey Hurst in Inghilterra-Germania Ovest era valido. La rete cambiò la finale, terminata in parità al 90esimo e chiusasi dopo i supplementari sul 4-2. Fu proprio quella rete a indirizzare il mondiale, consegnandolo ai Tre Leoni. Tra “occhio di falco” e Var, oggi difficilmente l’indecisione sarebbe durata la bellezza di sei decenni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Luciano Moggi, il ritorno nel mondo del calcio: consulente del Partizani Tirana in Albania

next
Articolo Successivo

Grande Torino, scritte offensive sui muri lungo la strada che porta a Superga

next