La smentita del M5S dopo le accuse di incongruenze” sulla raccolta firme del sindaco di Roma Virginia Raggi, sollevate dal programma “Le Iene“, non convince Alessandro Onorato. Ai microfoni de Ilfattoquotidiano, il consigliere capitolino della Lista Marchini, che aveva denunciato il caso all’inviato della trasmissione, rilancia ancora tutti i suoi dubbi: “La sentenza del Tar del Friuli citata dal Movimento e l’assenza di sanzioni? I pentastellati hanno cambiato versione, prima parlavano di bufala, ora cercano sentenze che li possano aiutare dal punto di vista amministrativo, ma non su quello penale”. E ancora: “La giurisprudenza la fa il Consiglio di Stato. Se c’era un atto sbagliato, la candidatura non doveva essere accettata. A quel punto il Movimento 5 stelle doveva fare ricorso al Tar del Lazio. Invece perché la lista non è stata rifiutata?”, ha attaccato Marchini. Ma non solo: “Loro hanno fatto 20 banchetti, ma risultano dieci cancellieri. Avevano il dono dell’ubiquità? Sfido Grillo e il M5S: perché non producono le ricevute dei pagamenti ai cancellieri?”. In merito alla mancata denuncia del caso alla magistratura, Marchini ha invece tagliato corto: “L’inchiesta nasce con le Iene, decideremo insieme cosa fare dopo che il M5S avrà deciso qual è la sua posizione definitiva”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, Anac multa assessora Cocco: 1000 euro di sanzione per il ritardo nella pubblicazione dei redditi

next
Articolo Successivo

Congresso Pd, nello storico circolo della Bolognina vince Matteo Renzi. Nel 2013 era dietro Cuperlo e Civati

next