Durante la diretta Facebook, intervistato da Davide Turrini, il regista Giovanni Veronesi (Non è un paese per giovani, al cinema dal 23 marzo), ha parlato di Francesco Nuti, l’amico di sempre, il collega con il quale ha realizzato molti film. Voce commossa e occhi bassi, Veronesi ha raccontato di vedere Nuti tutte le settimane, ora ricoverato a Roma in un centro “dove cerca di vivere la sua vita, una vita sicuramente diversa”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Oscar 2017, Asghar Farhadi rompe il silenzio: “La mia assenza? Nessun calcolo”. E intanto gira un film con Bardem e Cruz

next
Articolo Successivo

Prato, Giovanni Veronesi: “Una città cinese…”. Il racconto dell’incidente è comicità pura

next