Durante la diretta Facebook, intervistato da Davide Turrini, il regista Giovanni Veronesi (Non è un paese per giovani, al cinema dal 23 marzo), ha parlato di Francesco Nuti, l’amico di sempre, il collega con il quale ha realizzato molti film. Voce commossa e occhi bassi, Veronesi ha raccontato di vedere Nuti tutte le settimane, ora ricoverato a Roma in un centro “dove cerca di vivere la sua vita, una vita sicuramente diversa”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Oscar 2017, Asghar Farhadi rompe il silenzio: “La mia assenza? Nessun calcolo”. E intanto gira un film con Bardem e Cruz

prev
Articolo Successivo

Prato, Giovanni Veronesi: “Una città cinese…”. Il racconto dell’incidente è comicità pura

next