Non sprecare come abitudine. Come fu mettere il casco
Ma come può un braccialetto di gomma cambiare le nostre abitudini? È molto semplice: ripetere sempre lo stesso comportamento lo rende automatico e inconscio. “Diventa una cosa normale”, spiega Delfino. “Come per noi ormai è normale fare la raccolta differenziata ed è impensabile smettere di farla, perché ci sentiremmo inadeguati“. Il gesto in sé in effetti è piuttosto intuitivo e la psicologia comportamentale spiega che “più un comportamento è semplice e automatico, più è facile che venga messo in atto”. Ciafani aggiunge: “L’abitudine nuova è come un’abitudine vecchia: si dimenticano le eventuali ‘perdite di tempo’ che potrebbero esserci nell’allacciare la cintura di sicurezza, nel mettere il casco o nel dover uscire per non fumare in un ambiente chiuso. Tutte cose impensabili fino a 20 anni fa, ma oggi automatiche“.

Il braccialetto Aqualoop fungerà anche da promemoria e “le persone, guardandolo, assoceranno ad esso il movimento di aprire e chiudere il rubinetto. In questo senso. #giuilrubinetto si differenzia dalle altre campagne ambientaliste: Delfino arriva persino ad affermare che “non è una campagna, è un invito: noi non sensibilizziamo, ma cambiamo un comportamento”. E aggiunge: “Molte campagne invece puntano sullo shock emotivo, che tuttavia non porta all’azione. Per questo falliscono”.

INDIETRO

Giornata dell’acqua, il braccialetto anti-spreco di Legambiente (per quando si lavano i denti, ma non solo)

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ddl parchi, il relatore Pd nega il “pasticcio” su demolizioni. Il presidente Realacci (Pd) chiede verifiche al Ministro

prev
Articolo Successivo

Glifosato, l’agenzia Ue: “Non è cancerogeno”. Ma 20 ong: “Troppi conflitti d’interesse con aziende chimiche”

next