Combattere gli sprechi divertendosi. È il motto di #giuilrubinetto, la nuova campagna di Legambiente e Ogilvy Change per sensibilizzare sullo spreco idrico ed educare i bambini delle scuole elementari all’uso responsabile dell’acqua. Come? Attraverso il braccialetto Aqualoop, che i bambini dovranno avvolgere attorno alla leva del rubinetto ogni volta che si lavano i denti. L’elasticità del bracciale chiuderà il rubinetto subito dopo, bloccando il flusso d’acqua e impedendo così lo spreco. Uno strumento ludico e didattico, quindi, che secondo gli psicologi comportamentali di Ogilvy Change riuscirà ad automatizzare il gesto di aprire e chiudere l’acqua secondo necessità invece che lasciarla scorrere anche quando non viene effettivamente utilizzata.

La campagna si svolgerà nelle scuole elementari e nelle piazze di 13 città, tra cui Roma, Milano, Napoli, Genova, Verona e Vicenza. Coinvolgerà circa 10mila bambini e verrà lanciata ufficialmente il 22 marzo, in occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua.

Giornata dell’acqua, il braccialetto anti-spreco di Legambiente (per quando si lavano i denti, ma non solo)

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ddl parchi, il relatore Pd nega il “pasticcio” su demolizioni. Il presidente Realacci (Pd) chiede verifiche al Ministro

prev
Articolo Successivo

Glifosato, l’agenzia Ue: “Non è cancerogeno”. Ma 20 ong: “Troppi conflitti d’interesse con aziende chimiche”

next