Alfano e Renzi possono essere definiti una “coppia di fatto” – un tempo si sarebbe detto “una mésalliance” – condannata al matrimonio non solo dall’indisponibilità dei grillini a governare con il Pd, ma anche dalle affinità elettive che emergono solo adesso. Li accomuna infatti la passione dannunziana per il volo, anzi per i voli. Di Stato.

Renzi l’ha espressa sia in forma privata andando a sciare con la famiglia con un Falcon da 9000 euro all’ora giustificato da “ragioni di sicurezza”, sia in forma pubblica, varando il costosissimo “Air Force Renzi”, il più prestigioso gadget del suo breve e bombastico decollo. Per Alfano invece la passione del volo ha avuto da subito una dimensione privata: per 27 volte è nella madrepatria sicula, direttamente recapitato a casa dai voli di Stato.

Il Nuovo che Avanza – o che forse è avanzato – fa quasi rimpiangere “SCAJO-LINE” , la ‘tratta’ aerea tra Roma e Albenga che serviva soprattutto a trasportare in terra ligure Claudio Scajola. A volte a sua insaputa.

alfano-volagratis

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Toscana, Rossi fuori dal Pd ma in consiglio è ancora iscritto ai democratici: non ha altri per fare il gruppo nuovo

next
Articolo Successivo

Perché Renzi può fare benissimo il professore universitario

next