“Sono finalmente arrivato in Svizzera e ci sono arrivato, purtroppo, con le mie forze e non con l’aiuto del mio Stato. Volevo ringraziare una persona che ha potuto sollevarmi da questo inferno di dolore, di dolore, di dolore. Questa persona si chiama Marco Cappato e lo ringrazierò fino alla morte. Grazie Marco. Grazie mille”. E’ l’ultimo messaggio che Dj Fabo, giunto nel Paese elvetico dove ha scelto il suicidio assistito, in un video pubblicato dall’associazione Luca Coscioni. “Grazie a te Fabo”, è stata la risposta di Marco Cappato. Ieri la notizia del viaggio in Svizzera di Fabiano Antoniani, cieco e tetraplegico dopo un incidente stradale avvenuto nel 2014, per sottoporsi alle visite mediche e psicologiche che hanno anticipato la sua scelta sul fine vita. Ad accompagnarlo, appunto, l’esponente radicale, che oggi ha dato notizia dell’avvenuto decesso. Dj Fabo, nei mesi scorsi, ha rivolto tre appelli alla politica, uno direttamente al presidente Mattarella, per accelerare la discussione sul testamento biologico. Il Parlamento, però, ha rinviato per ben tre volte, l’ultima pochi giorni fa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Siamo onesti: l’inclusione dei rom non interessa a nessuno e i diritti umani sono un’optional

prev
Articolo Successivo

Biotestamento, “ogni mese in 90 chiedono informazioni sul suicidio assistito. C’è chi prosegue e chi cambia idea”

next