DOPO L’AMORE di Joachim Lafosse. Con Bérénice Bejo, Cédric Kahn, Marthe Keller. (Francia/Belgio, 2016). Durata: 95’. Voto 4/5 (DT)

dopo-lamore-675x275

Lei, lui, due bambine, una casa/appartamento, e l’irosa implosione di una separazione tra coniugi che non riesce a concludersi. Tranche de vie tutta in un unico interno (non c’è una sequenza in esterno pura che una) per il settimo film del belga Lafosse, uscito da un paio d’anni dal giro dei festival d’autore, ma ancora dentro alla fascia alta del cinema d’essai. Macchina da presa che si inchioda in un punto, sorta di perno centrale del set/appartamento, e che scruta di continuo da dentro l’abitazione a fuori le vetrate quello che è lo spazio casalingo – un ex falegnameria tramutata in casa con giardino – in cui vivono Marie (una splendida Bejo) e il cupo, rabbioso e fragile Boris (il regista Kahn di Roberto Succo). Lei attende con impazienza che lui se ne vada dalla casa di sua proprietà; lui continua a tergiversare vivendo in un angolo/stanza/”cuccia” chiedendo di continuo la sua parte di quattrini perché è lui ad aver ristrutturato l’abitazione. In mezzo mamme, amici, e le due figlie che osservano intimorite. Limpido e composto dramma di famiglia, sospeso su un continuo simbolico ripetitivo andamento del quotidiano in cui si incrocia la semplicità del preparare cibo come del farsi una doccia, Lafosse (anche sceneggiatore) mescola abilmente il registro introspettivo sentimentale con un sottotesto più politico legato al calcolo delle differenze “di classe” nella coppia riassunte nel conflitto sui soldi da dividersi per separarsi definitivamente. Qua e là i lampi di pianoforte del Preludio in Si Minore di Bach provano a rischiarare l’aleggiante cupo orizzonte di un matrimonio durato 15 anni che non continuerà più. “Cos’è che attraversa il vetro di una finestra senza rompere il vetro? Un raggio di sole”.

INDIETRO

Film in uscita al cinema, cosa vedere (e non) nel fine settimana del 21 e 22 gennaio

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ettore Scola: un anno senza di lui, una vita con i suoi film

prev
Articolo Successivo

Giornata della Memoria 2017, Maestro così si componeva nei campi di concentramento

next