“Senza darci spiegazioni ci hanno portato in un’altra struttura, dove sessanta persone dormivano in un unico ambiente”. E’ il racconto di alcuni migranti, gli stessi che erano stati trasferiti e sistemati nell’ex conigliera priva di agibilità del fratello del presidente del consiglio comunale di Benevento. “Tutto regolare, al massimo qualche lungaggine burocratica”, si era smarcata la Prefettura, che aveva disposto la sistemazione nonostante il mancato pagamento del condono edilizio. Ma dopo l’interessamento del Fatto (guarda il video) i 19 migranti sono stati immediatamente spostati in una struttura a Sant’Agata de’ Goti. Ancora una volta. E se l’ex conigliera era inagibile, la nuova struttura si rivela sovraffollata. “Sessanta persone nella stessa stanza con una sola toilette per tutti. Non potevamo restare”, raccontano alcuni gambiani, che riferiscono di aver chiesto aiuto al mediatore del nuovo centro senza ottenere nulla. “Potete prendere le vostre cose e andarvene, ci ha detto”. E così alcuni di loro hanno fatto, mettendosi in cammino per tornare a Benevento. “Abbiamo dormito in strada, al freddo”, spiegano. E chiedono di tornare alla struttura di Vitulano, che li ospitava prima del trasferimento nella ex conigliera inagibile. “Stavamo bene, il cibo era buono. Ora non ho dove dormire, non ho niente. Non so dove andare”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Terremoto, anziana bloccata in casa da un muro di neve

prev
Articolo Successivo

Hotel Rigopiano: le prime immagini all’interno della struttura

next