Prima Gerardo Greco, poi Bianca Berlinguer. Dopo l’esperimento innovativo con Gianluca Semprini, Rai3 riparte dall’usato sicuro. In prima serata, al posto di Politics, fallito dopo soli 3 mesi e mezzo, andrà #cartabianca, il programma dell’ex direttore del Tg3 che attualmente va in onda con una striscia quotidiana nel tardo pomeriggio, subito prima del telegiornale da lei diretto per 7 anni. Ma Bianca Berlinguer andrà in onda in prima serata solo da metà febbraio, perché l’esperienza di Semprini costringe il direttore di rete Daria Bignardi a maggiore prudenza e a dare maggiore tempo alla giornalista per

preparare il programma e la squadra in modo che siano solidi. Per questo si partirà solo dopo il Festival di Sanremo: nel frattempo andranno in onda 4 puntate speciali di Agorà, programma del mattino condotto da Gerardo Greco, che ha una squadra e un format già rodato e di successo. Greco presidieranno dunque il martedì sera, cruciale da anni nel panorama dell’informazione, prima con Ballarò e ora – sempre con Giovanni Floris – con DiMartedì.

“Il martedì di Rai3 – dice la Bignardi – si conferma un punto di riferimento per il racconto dell’attualità da parte del servizio pubblico“. La scelta della Berlinguer, aggiunge, conferma “l’intenzione di investire in un progetto di grande qualità, realizzato interamente con risorse interne”. Dunque il rigraziamento va a Berlinguer “per la grande professionalità e disponibilità con le quali sta raccogliendo questa nuova e importante sfida, dopo quella vinta di #cartabianca quotidiano” e a Greco che “con spirito di squadra mette il suo gruppo al servizio della rete con i quattro speciali”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sky, su Atlantic (4 gennaio) il docufilm: ‘Suited, a misura di gender’. La clip per il Fatto.it

prev
Articolo Successivo

El Chapo, il boss dei narcos. Su Crime+Investigation il documentario sul padrone indiscusso del narcotraffico internazionale

next