El Chapo: il boss dei narcos arriva domenica 8 gennaio su Crime+Investigation (in esclusiva su Sky al canale 118) alle 22:55. Lo speciale ricostruisce la storia di Joaquin Guzman Loera, da tutti chiamato El Chapo, probabilmente il narcotrafficante più famoso al mondo dai tempi di Pablo Escobar. Il boss è il capo di un’organizzazione criminale dedita al traffico internazionale di droga, chiamata Cartello di Sinaloa dallo Stato messicano natale in cui aveva la propria base di commercio.

L’8 gennaio del 2016, dopo essere evaso per due volte dalla prigione di Altiplano, El Chapo viene arrestato di nuovo a Los Mochis, dopo aver incontrato con l’attore Sean Penn per un’intervista. El Chapo è stato definito l’ultimo Padrino, un uomo molto amato dalle donne e venerato dal popolo che lo considera una leggenda, il re del narcotraffico, il criminale più ricercato dalla polizia messicana, è stato tradito dalla sua vanità: voleva che venisse realizzato un film sulla sua vita.

Il documentario di Crime+Investigation ripercorre le principali tappe dell’ascesa e caduta di El Chapo: la sua vita rocambolesca, dalla povertà alle prime imprese criminali, dagli atroci massacri a danno della polizia messicana alla costruzione di un impero. Il suo potere si alimenta grazie ad una fitta rete di corruzione e ad uno stuolo di sicari e uomini di fiducia che alimentano un clima di terrore e minaccia. Il racconto si chiude con il suo arresto, ma il suo mito e il suo potere non sembrano essere tramontati.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rai 3, Bianca Berlinguer al posto di Semprini il martedì sera. Ma solo da febbraio

next
Articolo Successivo

Robbie Williams, alle polemiche sul disinfettante per le mani risponde con un video ironico

next