PASSENGERS di Morten Tyldum. Con Chris Pratt, Jennifer Lawrence, Michael Sheen. (USA, 2016) Durata: 116’ Voto 2/5 (AMP)

In un viaggio interstellare destinato a durare 120 anni prima di raggiungere il nuovo pianeta da colonizzare, i “migranti” transitano pacatamente addormentati in ibernazione, dalla quale verranno “sciolti” e dunque risvegliati solo un trimestre prima dell’approdo. L’astronave è quanto di più moderno e sofisticato si possa immaginare ma mette in evidenza una falla quando uno dei passeggeri si risveglia parecchio anzitempo, ovvero con 90 anni di anticipo. Jim, ingegnere meccanico, si trova solitario a sopravvivere per un anno osservando lo spazio siderale dalla gigantesca navicella impossibilitato a tornare ibernato. La tentazione di risvegliare Aurora una giovane donna ibernata per averla come compagna è forte, ma altrettanto grande è la consapevolezza che le rovinerebbe per sempre l’esistenza. Dopo il successo meritato per The Imitation Game (2014) il norvegese Tyldum si inventa una romantic-science-fiction story dalla trama assai attraente ma dalla regia/drammaturgia – purtroppo – deludenti, specie dentro a un contenitore di genere dalle infine possibilità. Scontato e prevedibile, non riserva sorprese né suspence, delegando agli aspetti scenografici gli unici elementi di interesse. Un’occasione sprecata.

INDIETRO

Film in uscita al cinema, cosa vedere (e non) nel fine settimana del 30 dicembre

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

FQMagazine awards 2016, il sondaggio per i nostri lettori: votate il miglior film del 2016

next
Articolo Successivo

Veloce come il vento, Fiore e Pericle il nero: tre belle pagine di nuovo cinema italiano

next