“Esplosione a Bangkok“: gli utenti Facebook vengono messi in allerta dalla funzione “Safety Check (Stai bene?)“. Migliaia di persone cominciano a segnalare ai loro contatti di stare bene ma l’esplosione non c’è: è un errore dell’algoritmo del social network e la funzione di controllo viene disattiva dopo un’ora, quando ormai l’allarme si era propagato fra decine di migliaia di contatti.

Il falso allarme, ricostruisce la Bbc, è nato quando nella giornata di martedì 27 dicembre, un uomo ha lanciato piccoli petardi contro un palazzo governativo di Bangkok, per protestare contro il governo. Alcuni utenti hanno segnalato la cosa sui loro profili e gli algoritmi di Facebook hanno rilevato i loro post, attivando di conseguenza il “Safety Check”. E la creazione di una pagina di emergenza denominata “L’esplosione a Bangkok, Thailandia” che dava la possibilità di segnalare le proprie condizioni e chiedere agli amici di indicare le loro.

Facebook, precisa la Bbc, si basa sempre sulla “conferma di una terza parte per confermare l’incidente” – siti internet che rilanciano la notizia. Ma questa volta, il primo risultato che compariva nella pagina del Safety Check era un sito, già noto per aver diffuso bufale, che rilanciava la notizia, dando come fonte la Bbc e pubblicando un video del 2015. Proprio per proteggersi dalle fake news“, il social network di Mark Zuckerberg ha recentemente annunciato che varerà presto un tasto antibufale a disposizione degli utenti che così potranno segnalare le notizie false.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Foia, una trasparenza simile alla burocrazia: ecco il pacco del digitale italiano

prev
Articolo Successivo

Informatica e pensiero computazionale, nuovi linguaggi per descrivere il mondo / II

next