I primi rifugiati nelle Valli di Lanzo, in provincia di Torino, arrivano nella primavera 2014. Sono accolti con diffidenza dalla popolazione locale che vede i “moru” girare per le vie dei paesi in ciabatte nonostante il freddo.  “Siamo stati tra i primi ad avvicinarli – spiega Luca Baraldo, il fondatore del CoroMoro – per un anno intero siamo andati a trovarli e gli abbiamo proposto di unirsi in un coro”.  Così è nato il CoroMoro, un coro formato da rifugiati che ha alle spalle oltre più di cento concerti in giro per il Piemonte. Il repertorio è quello della canzone popolare piemontese con inserimenti delle tradizioni musicali del diversi paesi dell’Africa: “In queste zone non si parla italiano, ma solo piemontese – racconta Aliou, 22 anni dal Senegal – così le canzoni tradizionali ci hanno aiutato a imparare la lingua per poterci esprimere”. Un processo di integrazione che si scontra con il problema dei documenti: molti dei ragazzi del coro hanno il foglio di via in tasca: non possono stare in Italia, ma al tempo stesso non possono andare negli altri paesi dell’Europa che non li vogliono. “Vivono in un limbo – conclude Baraldo –  CoroMoro è un’opportunità per loro di guadagnarsi da vivere senza cadere nel lavoro nero”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Disabili, centro nel Maceratese distrutto dal terremoto. “Vogliamo ricostruirlo per ridare una speranza a persone speciali”

prev
Articolo Successivo

Migranti, 18enne perde le gambe per le ferite degli scafisti. L’appello: “Soldi per protesi e riabilitazione”

next