Il gup di Varese, Anna Azzena, ha rinviato a giudizio Stefano Binda, arrestato lo scorso gennaio con l’accusa di aver ucciso la studentessa di Varese Lidia Macchi nel gennaio 1987. Il processo si aprirà il prossimo 12 aprile. La famiglia della ragazza, uccisa con 29 coltellate, si è costituita parte civile. In aula erano presenti la mamma e la sorella assistite dall’avvocato Daniele Pizzi. Presente anche Stefano Binda che ha sempre respinto le accuse.

Solo tre giorni fa il Riesame di Milano aveva respinto il ricorso presentato dai difensori dell’imputato che avevano impugnato il provvedimento con il quale il gip di Varese Anna Giorgetti aveva respinto una istanza di scarcerazione.
Un’istanza analoga era già stata respinta dalla Cassazione e il successivo ricorso al Riesame era stato dichiarato “inammissibile”.  Anche in quell’occasione l’indagato aveva dichiarato di non aver ucciso Lidia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Morti per amianto, nove ex manager Pirelli assolti a Milano

next
Articolo Successivo

De Luca, Finanza in Regione. Ascoltato personale della segreteria sulla presunta istigazione al voto di scambio

next