Dopo cinque mesi di silenzio, John Cantlie, il reporter britannico preso in ostaggio dall’Isis, è ricomparso in un video dalla città irachena di Mosul, prodotto dall’agenzia dello Stato islamico ‘Amaq‘, in cui parla degli attacchi aerei e dei problemi di acqua ed elettricità in città. Cantlie venne rapito nel novembre 2012 in Siria, insieme all’americano Janes Foley, quest’ultimo decapitato nell’agosto del 2014, e da allora è apparso diverse volte in video propagandistici dell’Isis

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, all’Ambiente va Pruitt: il procuratore che nega i cambiamenti climatici

next
Articolo Successivo

India, un mese di demonetizzazione. File agli sportelli nelle città, crollo dell’economia informale in campagna

next