Dopo cinque mesi di silenzio, John Cantlie, il reporter britannico preso in ostaggio dall’Isis, è ricomparso in un video dalla città irachena di Mosul, prodotto dall’agenzia dello Stato islamico ‘Amaq‘, in cui parla degli attacchi aerei e dei problemi di acqua ed elettricità in città. Cantlie venne rapito nel novembre 2012 in Siria, insieme all’americano Janes Foley, quest’ultimo decapitato nell’agosto del 2014, e da allora è apparso diverse volte in video propagandistici dell’Isis

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, all’Ambiente va Pruitt: il procuratore che nega i cambiamenti climatici

next
Articolo Successivo

India, un mese di demonetizzazione. File agli sportelli nelle città, crollo dell’economia informale in campagna

next