Niente trattativa con i lavoratori e accertamenti del ministero in vista. Queste le ultime novità sul caso Foodora. Con una mail inviata attraverso la newsletter aziendale, i dirigenti della start up tedesca hanno fatto sapere di non essere intenzionati a portare avanti il tavolo di discussione con i propri fattorini, in stato di agitazione da sabato 8 ottobre. Lo hanno reso noto gli stesi rider, con un post pubblicato sulla loro pagina Facebook di riferimento, Deliverance Project. “I responsabili ci comunicano all’ultimo minuto – si legge sul social network – che non si presenteranno in ufficio per l’incontro fissato a mezzogiorno. Dicono che il nostro comunicato non pone le condizioni per una trattativa”. Una decisione che i portavoce dei collaboratori di Foodora, contattati da ilfattoquotidiano.it, ritengono “incomprensibile”. “Siamo ancora intenzionati a voler sederci al tavolo coi vertici dell’azienda – dicono – ma a questo punto non sappiamo cosa fare”. E intanto il ministero del Lavoro sembra intenzionato ad avviare degli accertamenti sulla vicenda.

La rottura delle trattative è arrivata dopo un crescendo di tensioni, che però aveva lasciato intravedere anche qualche possibilità di mediazione. Giovedì 13 era il limite posto dai rider a Foodora: “Se entro la fine di quel giorno non accoglieranno almeno in parte le nostre richieste – avevano annunciato lunedì  10 – proseguiremo nella mobilitazione ed estenderemo la protesta anche a Milano. L’azienda tedesca ha però lasciato scadere la scadenza prevista, per poi rispondere, due minuti dopo la mezzanotte, con quella che che i fattorini hanno definito “una provocazione gravissima”. “Foodora si è permessa il lusso di infrangere in modo indecente – hanno scritto i collaboratori in agitazione – questo accordo non inviando alcuna comunicazione e non rispondendo a telefonate e messaggi. Non paga di ciò ha deciso di divulgare a mezzo newsletter aziendale la propria proposta alle ore 00:02″. Una proposta definita “indecente”, formulata dopo l’arrivo in Italia di uno responsabili tedeschi di Foodora Global e i cui contenuti non hanno soddisfatto le istanze dei rider. Foodora si dice pronta ad aumentare il compenso lordo per consegna da 3 a 4 euro lordi, a riorganizzare “le modalità di comunicazione interna per la gestione dei problemi operativi attraverso un sistema di messaggistica dedicato” e ad accelerare “l’introduzione della convenzione per la manutenzione delle biciclette”. Condizioni liquidate dai rider come “inaccettabili oltre che incredibilmente offensive e irrispettose nei confronti di noi tutti”. Ciò che soprattutto non ha convinto i fattorini, è la mancata abolizione del cottimo e del co.co.co. (contratto di collaborazione coordinata e continuativa): punti, questi, che loro ritenevano inderogabili. 

Ciononostante, era rimasta aperta la prospettiva di un incontro tra i portavoce dei rider da un lato e i manager di Foodora Italia, insieme ad un responsabile di Foodora Germania, dall’altra. Avrebbe dovuto svolgersi venerdì a mezzogiorno. Poi, a ridosso dell’orario fissato, la nuova mail in newsletter con cui, di fatto, l’azienda ha annullato la trattativa. “Cari collaboratori – si legge nel messaggio – abbiamo lavorato per cercare di soddisfare quella parte delle vostre richieste che sono per noi, ad oggi, sostenibili senza pregiudicare le possibilità di sviluppo dell’attività nell’interesse di tutti. Prendiamo atto – prosegue la mail – come da vostro comunicato stampa che: ‘non ci sono i presupposti minimi per intavolare una trattativa’”. Anche i fattorini avevano precedentemente minacciato di disertare la riunione: “Se l’azienda non ritirerà le sue proposte – aveva dichiarato Andrea Ruta, uno dei rappresentanti dei rider – non entreremo neppure”.

E ora? “Ci stiamo riunendo in questo memento – rispondono i fattorini – per capire come muoverci”. Una delegazione di rider torinesi, intanto, ha annunciato che si recherà a Milano nel pomeriggio per partecipare all’assemblea con i lavoratori della sede del capoluogo lombardo. Ci sarà anche una “puntata” presso la sede dell’azienda “per stanare i manager che non si sono presentati a Torino”, spiegano i rappresentanti dei fattorini. “L’idea di coinvolgere nella mobilitazione anche i colleghi di Milano – spiegano i portavoce dei lavoratori in agitazione – resta auspicabile. Ma dobbiamo ancora organizzarci”. Tra le prossime iniziative previste, un volantinaggio a Torino e una protesta in centro, in piazza Castello, nel pomeriggio di domenica 16 ottobre.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Pensioni anticipate gratis solo con 36 anni di contributi (30 se disoccupati). Cgil: “Renzi inaffidabile, si rimangia parola”

next
Articolo Successivo

Gioia Tauro: concluso il blocco dello scalo, ma la protesta dei portuali in esubero va avanti

next