Ora un quiz davvero difficile. Di chi è questa dichiarazione? “Berlusconi ci lasciava giocare con la politica e con le idee, fino a che non toccavamo la sostanza dei suoi interessi e del suo potere. Ricordo che, quando ero ministro, osai parlare di un canale televisivo pubblico dedicato alla cultura senza pubblicità. Subito, il pur mite Fedele Confalonieri mi redarguì bruscamente”. La risposta è Sandro Bondi. Per anni l’ex sindaco Pci di Fivizzano folgorato sulla via di Arcore è stato l’emblema del berlusconismo acritico e sfrenato. Nove mesi dopo l’addio a Forza Italia, il cantore del Cavaliere approda ad Ala di Verdini e consuma il parricidio. Berlusconi è come il Conte Ugolino della Divina Commedia, afferma, “quello che divora il cranio dei suoi figli”, e lo fa per “sadismo”. In realtà, concludeva, “sono giunto alla conclusione che non vi è alcuna grandezza tragica in lui”.

E pensare che il Bondi dei tempi d’oro scolpiva negli archivi delle agenzie di stampa raffiche di dichiarazioni di questo tenore: “In Berlusconi c’è una forza morale, religiosa, umana che traccia un impegno politico che non tutti dimostrano di comprendere” (6 agosto 2003, Corriere della Sera). E ancora: “E’ necessario difendere fino in fondo Berlusconi e la sua maggioranza dell’accanimento persecutorio dei giudici. Fino al sacrificio del nostro corpo” (8 agosto, Il Giornale). Berlusconismo estremo. Però l’uomo che avrebbe sacrificato il proprio corpo per fermare i pm è stato uno dei tre coordinatori nazionali del Pdl, allora partito di maggioranza relativa. Arduo credere a una “rivoluzione liberale”, più facile pensare a certi film di Alberto Sordi.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Ilaria Capua, scienziata lascia la Camera: “Decisione sofferta, ma è una questione di rispetto”

next
Articolo Successivo

Roma, “si dimette anche il ragioniere generale del Comune”. Il Campidoglio: “Non ci risulta, è regolarmente al lavoro”

next