Il produttore Donald Ranvaud è morto, a 62 anni, per arresto cardiaco nella notte tra domenica e lunedì, mentre si trovava a Montreal, in Canada, in una camera d’albergo. Produttore candidato agli Oscar per il capolavoro ‘City of God’ di Fernando Meirelles, aveva lavorato con Al Pacino ed era un fraterno amico di Bernardo Bertolucci. Ranvaud era tra i pochissimi produttori cinematografici ad aver realizzato film in 4 continenti (l’intervista video a ilfattoquotidiano.it). Il suo ultimo progetto ancora inedito è stato ‘Sweet Democracy’ diretto da Michele Diomà, a cui ha preso parte anche l’attore premio Nobel Dario Fo. Uno stralcio tratto dalla pellicola di Diomà

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Festival Venezia, Rocco Siffredi: “Il web ha cambiato il porno. Oggi è solo una biblioteca del feticismo”

next
Articolo Successivo

Fertility Day, nuovo ‘spot’ del ministero della Salute rivisto dal Terzo Segreto di Satira

next