Il produttore Donald Ranvaud è morto, a 62 anni, per arresto cardiaco nella notte tra domenica e lunedì, mentre si trovava a Montreal, in Canada, in una camera d’albergo. Produttore candidato agli Oscar per il capolavoro ‘City of God’ di Fernando Meirelles, aveva lavorato con Al Pacino ed era un fraterno amico di Bernardo Bertolucci. Ranvaud era tra i pochissimi produttori cinematografici ad aver realizzato film in 4 continenti (l’intervista video a ilfattoquotidiano.it). Il suo ultimo progetto ancora inedito è stato ‘Sweet Democracy’ diretto da Michele Diomà, a cui ha preso parte anche l’attore premio Nobel Dario Fo. Uno stralcio tratto dalla pellicola di Diomà

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Festival Venezia, Rocco Siffredi: “Il web ha cambiato il porno. Oggi è solo una biblioteca del feticismo”

prev
Articolo Successivo

Fertility Day, nuovo ‘spot’ del ministero della Salute rivisto dal Terzo Segreto di Satira

next