Da qualche tempo la parola “rottamazione” sembra caduta in disuso. Forse perché i teleschermi si sono riempiti di nuovo di rottami e di vite rotte. Forse perché nessuno ha avuto il coraggio di rottamare le Grandi opere miliardarie del Tav e del Terzo Valico e l’unica opera indispensabile al Paese – cioè il consolidamento degli edifici a rischio – è stata ancora un volta sostituita dall’emergenza. La stessa emergenza, impastata di sabbia presidenzialista, con cui si vorrebbe RISTRUTTURARE la Costituzione.

costituzione-con-sabbia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terremoto e sovranità monetaria: le lacrime di coccodrillo non servono

next
Articolo Successivo

“Andiamo a comandare” in salsa padana, Salvini balla (male) la hit di Rovazzi

next