Da qualche tempo la parola “rottamazione” sembra caduta in disuso. Forse perché i teleschermi si sono riempiti di nuovo di rottami e di vite rotte. Forse perché nessuno ha avuto il coraggio di rottamare le Grandi opere miliardarie del Tav e del Terzo Valico e l’unica opera indispensabile al Paese – cioè il consolidamento degli edifici a rischio – è stata ancora un volta sostituita dall’emergenza. La stessa emergenza, impastata di sabbia presidenzialista, con cui si vorrebbe RISTRUTTURARE la Costituzione.

costituzione-con-sabbia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Terremoto e sovranità monetaria: le lacrime di coccodrillo non servono

prev
Articolo Successivo

“Andiamo a comandare” in salsa padana, Salvini balla (male) la hit di Rovazzi

next