Quando Tina Merlin (donna e giornalista) denunciò l’opera sciagurata del Vajont, venne denunciata per “diffusione di notizie false e tendenziose atte a turbare l’ordine pubblico”. Quando la montagna si staccò, il resto divenne storia e strage. Quello stesso giorno Tina Merlin seguitò a denunciare, nonostante volessero zittirla in nome del rispetto per i morti.
Anche oggi ci sono i morti, ci sono i feriti e le persone. E tutto questo andava rispettato prima ancora di adesso, magari infrangendo una tradizione italiana fra le più dure a morire: la prevenzione del giorno dopo.
fogliazza

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terremoto, animazione 3D dell’Ingv. Così si è propagata la scossa nel Centro Italia

next
Articolo Successivo

Palinuro, recuperato anche il corpo del terzo sub morto durante un’immersione

next