Il murales “Spy Booth” (La cabina spia) di Banksy, valutato oltre un milione di euro, è stato distrutto durante i lavori di ristrutturazione dell’edificio sul quale si trovava. Trattandosi di un’opera tutelata e che dunque non poteva essere demolita,  il deputato Alex Chalk ha aperto un’inchiesta. L’opera era stata realizzata sul muro di un’abitazione privata a Cheltenham, in Gran Bretagna, nell’aprile del 2014: tre agenti segreti raffigurati attorno a una cabina telefonica. Il luogo scelto dall’artista non era casuale: in quel quartiere si trova infatti l’agenzia del governo per le Comunicazioni che è coinvolta nelle attività di spionaggio della National security agency americana. Le operazioni di spionaggio erano state denunciate da Edward Snowden e proprio a lui era dedicata l’opera di Banksy. Il murales, secondo il comune di Cheltenham, era da ristrutturare, ma sicuramente non era in condizioni così precarie da essere rimosso.

 

 

 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

The Wolf of Wall Street, Jonah Hill: “Ho sniffato troppa finta cocaina. Sono finito in ospedale”

next
Articolo Successivo

Amici, l’ex ballerino Marcus Bellamy uccide il fidanzato e poi scrive su Facebook: “Io sono Dio. Do la vita e posso portarla via”

next