Jonah Hill durante le riprese di “The Wolf of Wall Street” è finito in ospedale per una bronchite, dopo aver sniffato troppa “finta cocaina“. Lo ha raccontato in un’intervista durante il talk show statunitense “Any Given Wednesday with Bill Simmons“. Hill nel film recita al fianco di Leonardo DiCaprio ed è protagonista di diverse scene durante le quali sniffa grosse quantità di cocaina (che in realtà era vitamina D): “Ne ho sniffata così tanta che alla fine pensavo di poter sollevare una fottuta macchina sopra la testa! E’ interessante fingere di essere sotto l’effetto delle droghe”. L’attore statunitense ha poi confidato i suoi espedienti, utili per immedesimarsi meglio in un uomo in preda agli effetti della droga: “Uso la musica. Per ogni scena creo una playlist, con della musica che mi faccia apparire nervoso e… poi bevo una tonnellata di caffè e Red Bull”. Il prossimo impegno cinematografico per Hill sarà la commedia nera “Trafficanti“.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dall’homo sapiens a strafighe e playboy: quanto la specie si evolve per finta, ma solo su Instagram

next
Articolo Successivo

Banksy, rimosso il murales “Spy Booth”: valeva un milione di euro

next