In Italia era arrivato al successo televisivo grazie a Daniel Ezralow, che lo aveva voluto nel corpo di ballo dei professionisti nell’edizione 2009 di Amici. Dopo qualche ulteriore esperienza italiana, però, Marcus Bellamy era tornato in America, diventando un importante ballerino a Broadway. Bellamy, 32 anni, noto in America soprattutto per aver ballato nel musical “Spider-Man: Turn Off The Dark”, ora è agli arresti, con la terribile accusa di avere ucciso il fidanzato ventisettenne Bernardo Almonte.

Secondo alcune fonti anonime riportate da Variety, Bellamy avrebbe strangolato Almonte nel loro appartamento del Bronx venerdì scorso (dove la vittime è poi stata ritrovata con evidenti segni sul collo), e subito dopo ha postato alcuni status deliranti su Facebook, di fatto confessando l’omicidio: “Perdonami. L’ho fatto perché ti amo. Amo anche lui. Lui mi ha detto che amore e odio sono la stessa emozione. Perdonami. Non so cosa fare. L’ho fatto per amore. Per Dio. In alto”. E solo due minuti prima, il ballerino scriveva: “Io sono Dio. Do la vita e posso portarla via”.

Dopo l’omicidio, Bellamy avrebbe confessato il crimine a un vicino di casa, prima di essere arrestato e di essere trasportato in ospedale con evidenti segni di squilibrio. Resta da capire quale sia stato il reale motivo del gesto omicida e soprattutto chi sia il “lui” citato nello status di Facebook. Intanto, sulla bacheca Facebook di Marcus Bellamy, centinaia di persone stanno commentando duramente gli status deliranti del presunto assassino. Molti dei commentatori sono italiani, che evidentemente ricordavano l’esperienza televisiva di Bellamy alla corte di Maria De Filippi.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Banksy, rimosso il murales “Spy Booth”: valeva un milione di euro

next
Articolo Successivo

Shannen Doherty, raggiunto accordo con gli ex manager: erano accusati di aver tardato la diagnosi del suo cancro

next