L’avanzata dell’Isis e l’arrivo dei russi

Nel maggio del 2013 Hezbollah dichiara ufficialmente di entrare nel conflitto siriano a supporto del governo di Damasco, nonostante la presenza dei miliziani sciiti libanesi a sostegno di Assad fosse documentata fin dal 2011. Migliaia di uomini tagliano il confine varcando i monti del Qalamun e risalgono verso nord, per riprendere il controllo delle città sotto il controllo dell’opposizione: Yabrud, Quseir, Talkalakh e infine Homs. Da Aleppo, una forza guidata dal Colonnello disertore Abdul Jabbar al-Oqaidi arriva a Quseir in sostegno degli insorti quando le sorti della città sono ormai segnate.

La ripresa del controllo del confine con il libano e l’entrata di Hezbollah nella guerra siriana aumenta la pressione verso il Nord del paese. Nelle campagne a Nord di Aleppo, verso il confine turco, si assiste alla progressiva avanzata dello Stato Islamico e di Jubhat al Nusra a discapito delle forze di opposizione siriane. In aggiunta, l’intervento militare russo, ufficializzato a settembre 2015, prende di mira le località controllate dall’opposizione. Bombardamenti aerei congiunti dei russi e del governo di Damasco si intensificano su Aleppo e Idlib. Mentre la pressione dell’Isis, nell’ottobre del 2015, si concentra a Nord est di Aleppo con la presa di alcuni villaggi che erano sotto controllo dell’opposizione. A Sud l’esercito regolare e Hezbollah lanciano un’offensiva che li porta a controllare tre quarti della città.Halab News

La metropoli siriana, un tempo capitale economica del paese, rappresenta il nodo simbolico di congiunzione fra le diverse “Sirie”: la Siria dei curdi dell’Ypg (Unità di protezione popolare), supportato dai raid dell’aviazione americana, che da diversi giorni hanno intensificato l’offensiva verso la città di Munbij, puntando alla conquista delle campagne e dei villaggi a nord di Aleppo, ancora sotto il controllo dell’Isis o dell’opposizione, per riunire il cantone di Afrin con il resto del Kurdistan siriano (Rojava). La Siria del governo di Damasco che da una settimana ha stretto d’assedio i quartieri di Aleppo est, ancora sotto il controllo dell’opposizione, con l’obbiettivo di riprendere l’intera metropoli, seconda area urbana più popolosa della Siria, che avrebbe conseguenze a medio termine sull’andamento della guerra nel nord del paese, oltre a segnare una vittoria simbolica; la Siria dello stato Islamico che domina parte delle campagne a nord della città fino al confine con la Turchia e la Siria dell’opposizione siriana, messa sotto assedio a Aleppo est.

INDIETRO

Siria, Aleppo come Sarajevo: dopo quattro anni di assedio 40mila morti e 300mila civili in trappola

AVANTI

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stati Uniti, mongolfiera con 16 persone a bordo prende fuoco e precipita a terra: “Non ci sono sopravvissuti”

next
Articolo Successivo

Texas, sparatoria ad Austin: una donna morta e quattro feriti. Polizia: “Restate in casa” – video

next