Aleppo come Sarajevo

L’assedio totale di Aleppo, che secondo alcuni analisti ricorda quello di Sarajevo, è cominciato a quattro anni dall’inizio della battaglia per il controllo della città. E’ il 19 luglio del 2012 quando dai 6000 ai 7000 uomini di 18 formazioni d’opposizione, unitesi in un fronte comune sotto l’ombrello dell’Esercito libero siriano, si riversano nella metropoli dalla periferia e dalle campagne. Il quartiere di Salaheddin diventa teatro dei primi scontri. Nei mesi successivi, le forze di opposizione si attestano vicino al centro storico che si trasforma di fatto nella linea di confine che separa a lungo i due fronti e le ‘due Aleppo’.

Halab News

In ordine di tempo, Aleppo è stata l’ultima fra le grandi città siriane a diventare teatro di manifestazioni di protesta contro il governo. Per molti analisti, il ritardo è comprensibile se si prende in considerazione la ricca borghesia della città – rappresentante del potere locale – e i rapporti di questa con le autorità: i primi hanno garantito un controllo capillare e i secondi, in cambio, hanno lasciato inalterate le dinamiche di potere locale. Oltre a questo accordo, la memoria collettiva degli eventi degli anni 80 potrebbe aver giocato un ruolo nel cauto risveglio della città. Gli “eventi degli anni ottanta” culminarono con l’assedio della città da parte delle forze governative che repressero nel sangue, con migliaia di vittime civili e arresti indiscriminati, l’insurrezione capeggiata dal braccio armato dei Fratelli musulmani, allora guidato da Adnan Uqua e Husni Abo, entrambi rappresentanti di quell’ala oltranzista del movimento islamico che scelse la lotta armata.

Halab News

Per questo – dichiarava Abu Ismael, un cittadino di Aleppo intervistato dal Guardian nel 2012, qualche mese dopo l’inizio dell’offensiva – i ribelli volevano prendersi una rivincita contro gli aleppini perché hanno pensato che noi li avessimo traditi, ma si sono dimenticati che la maggior parte delle persone ad Aleppo sono commercianti e un commerciante paga per risolvere i suoi problemi. Dovremmo distruggere il nostro business e perdere i nostri soldi?”. “Nei primi mesi – proseguiva Abu Ismael – i ribelli erano davvero un gruppo rivoluzionario unito, ma ora è tutto differente: ci sono quelli che sono qui solo per fare soldi, e quelli che combattono ancora”. Nonostante le resistenze di parte dell’élite cittadina, nell’agosto del 2012, 48 notabili della città annunciano di abbandonare il supporto e il finanziamento del governo, schierandosi a favore dell’opposizione. Danno vita a un consiglio locale di transizione che mira a “riempire il vuoto amministrativo e compiere tutti gli sforzi per unire le forze rivoluzionare”.

Siria, Aleppo come Sarajevo: dopo quattro anni di assedio 40mila morti e 300mila civili in trappola

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Stati Uniti, mongolfiera con 16 persone a bordo prende fuoco e precipita a terra: “Non ci sono sopravvissuti”

prev
Articolo Successivo

Texas, sparatoria ad Austin: una donna morta e quattro feriti. Polizia: “Restate in casa” – video

next